Introduzione

Circa 4.500 anni fa in Cina si inizia a pubblicare il trattato sull’agopuntura sotto il nome di Nei Ching, è composto da 34 libri, la cui stesura termina dopo circa 1.500 anni. Questo è il testo fondamentale per la Medicina tradizionale cinese (MTC) e comprende, oltre l’agopuntura anche la dieta, la fitoterapia, il massaggio ed esercizi fisici, per ritrovare l’equilibrio della salute.
Per il medico cinese la salute era il vivere in armonia con l’ambiente circostante.
Si dice in questi scritti antichi: “Il medico deve coltivare la strada del cielo e della terra, comprendere le dinamiche dello spirito umano e confrontarsi con la profondità della natura”. Oggi la stessa cosa viene espressa con il concetto di equivalenza fra microcosmo (uomo) e macrocosmo (universo). La scoperta moderna della scienza dei frattali dà un’immagine suggestiva a questo principio di base della MTC. Così come nei frattali ogni piccolo dettaglio, se ingrandito, contiene l’immagine del tutto, così nella concezione tradizionale cinese, la dinamica che sostiene la vita nell’uomo è la stessa che governa l’universo. Conoscere le dinamiche di questo fluire dell’energia permette poi al medico di risolvere i blocchi energetici, per curare le malattie, o anche per prevenirne.